Una ferita assai più grave di quel che si pensava, come documenta il disegno da poco ritrovato del medico che curò il pittore.

La sera del 23 dicembre 1888, ad Arles, Vincent Van Gogh si tagliò un orecchio con un rasoio, lo avvolse in un foglio di giornale e lo fece recapitare a una donna, forse una prostituta. Era stato un gesto di rabbia, di disperazione (per che cosa?), l’esito di un litigio con l’amico pittore Paul Gauguin? Nel corso degli anni le teorie sono state le più disparate.

Si è sempre pensato però che la mutilazione fosse stata tutto sommato piccola, e che avesse riguardato solo un pezzetto del lobo sinistro. Ora emerge da un nuovo documento che si sarebbe trattato in realtà di una ferita ben più grave: il pittore si sarebbe asportato quasi l’intero padiglione sinistro. Un gesto di violento autolesionismo che precedette il suicidio, avvenuto due anni dopo.

DISEGNO RIVELATORE. Il documento è uno schizzo fatto dal dottore che medicò la ferita di Van Gogh all’ospedale di Arles, Felix Réy, ritrovato tra le carte negli archivi dello scrittore Irving Stone, che ha scritto la famosa biografia di Van Gogh Brama di vivere.

Diagram by Dr. Felix Rey, the attending physician, showing how and where Van Gogh cut off his ear. Credit: The Bancroft Library, University of California, Berkeley. (CNW Group/Penguin Random House Canada Limited)

Per documentarsi sulla vita del pittore, Stone si era recato ad Arles nel 1930, e aveva anche fatto visita al medico che l’aveva curato, chiedendogli di illustrargli come gli era apparso il danno all’orecchio.

Nello schizzo, datato 18 agosto 1930, si vede chiaramente che il taglio riguarda gran parte del padiglione. Il disegno è esposto in una mostra al museo Van Gogh di Amsterdam, On The Verge of Insanity, dedicata alla follia dell’artista.

LA DONNA MISTERIOSA. A riscoprirlo è stata una appassionata di Van Gogh, Bernadette Murphy, che alla storia dell’orecchio del pittore ha dedicato un libro. In esso Murphy sostiene anche che la donna cui Van Gogh avrebbe portato l’orecchio nel cuore della notte non fosse una prostituta di nome Rachel, come si è sempre detto, ma una cameriera diciannovenne il cui nome era Gabrielle.



Fonte: Focus

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments