Un gruppo di ricercatori è riuscito a riprodurre la malattia nei topi, cosa che finora non era stata possibile. Servirà a velocizzare gli studi sul virus e su eventuali terapie. Una prima ipotesi, intanto, è che a influenzare l’esito dell’infezione siano fattori genetici più o meno “favorevoli”.